Come gabbiani bianchi al vento

Presentazione della raccolta di poesie di Giusi Ranno

   

(venerdi 24 aprile)

Ha appena avuto luogo alla libreria Mondadori di Augusta la presentazione della prima opera di un’autrice augustana, una silloge di poesie dal titolo “Come gabbiani bianchi al vento” di Giusi Ranno, evento presentato da Michela Italia, attrice nonché direttore artistico del premio culturale “Agorà” che si tiene ogni anno ad Augusta nel mese di ottobre. Giusi Ranno ha lasciato da molti anni la città megarese, sua terra natìa, per seguire il marito, per motivi di lavoro, in Piemonte dove risiede ma la Sicilia con i suoi odori, colori, profumi e suoni le è profondamente rimasta nel cuore e nella mente; alla sua sicilianitudine”, come l’ha abilmente definita la presentatrice, ha dedicato le liriche che compongono questa raccolta, una delle quali è stata scritta in lingua siciliana mentre le altre, nonostante siano in italiano, hanno una struttura linguistica che, comunque, ricorda la musicalità del siciliano con il verbo posto, “alla latina”, in fondo alla frase come, ancora con estrema attenzione, ha fatto notare Michela Italia. Le liriche di Giusi Ranno sono basate sui quattro elementi fondamentali, aria, acqua, terra e fuoco, ognuno dei quali caratterizza e di cui è impregnata la sua amata isola, la Sicilia, e a ciascuno dei quali ha dedicato alcune delle poesie oltre che ai suoi genitori e al patrono della città megarese. Giusi Ranno ha voluto dare un segnale “forte” e apprezzabile con questa sua prima opera: ha devoluto l’incasso della vendita all’associazione culturale “Agorà” per incrementare e accrescere la voglia di cultura in città. Michela Italia è stata coadiuvata nella presentazione da due giovani musiciste locali, Silvia Italia alla chitarra e Verdiana Di Franco al sassofono; la prima ha usato le sue corde come sottofondo discreto e perfetto di ogni poesia recitata da Michela mentre Verdiana ha interpretato, col suo sax, alcuni brani celebri come “stacchi” musicali tra le poesie, dall’iniziale “Over the rainbow” a “Mi votu e mi rivotu”, celeberrima canzone di Rosa Balistreri, da “Nuovo Cinema Paradiso” a “Io che non vivo” e, per concludere, “Caruso”.

   

Daniela Domenici

Come gabbiani bianchi al ventoultima modifica: 2009-04-26T15:43:00+02:00da mondadori_au
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento